Problemi di salute del carbonato di calcio

L’osteoporosi colpisce circa 44 milioni di americani di età superiore a 50 anni, secondo la National Osteoporosis Foundation, con l’80% delle donne affette e il 20% degli uomini. Fortunatamente, il carbonato di calcio può aiutare a prevenire o ridurre gli effetti dell’osteoporosi. Tuttavia, complicazioni e problemi di salute possono verificarsi con il carbonato di calcio se non siete attenti a come prendete i supplementi e quale marca si acquista.

Carbonato di calcio

Un elemento naturalmente presente, il carbonato di calcio esiste in gusci di ostriche, calcare e gesso, e diviene supplementi di calcio e antiacidi attraverso la produzione. Secondo MayoClinic.com, il carbonato di calcio contiene il 40% di calcio elementare mentre il citrato di calcio più raffinato contiene il 21%. Il carbonato di calcio può o non può essere combinato con vitamina D o magnesio per aiutare con l’assorbimento.

Calcio insufficiente

Gli acidi dello stomaco si rompono e si dissolvono di calcio in modo da poter entrare nel flusso sanguigno. Se non prendi il carbonato di calcio con il cibo, il tuo corpo non sarà in grado di assorbirlo, e potresti finire per non ottenere la quantità di calcio che hai bisogno, secondo uno studio del dicembre 1990 “Journal of American College of Nutrizione.” Inoltre, il tuo corpo può solo assorbire così tanto calcio in una sola volta, da qualche parte tra 500 e 600 mg.

Troppo Calcio

A seconda dell’età e dei fattori di rischio per lo sviluppo di osteoporosi, la quantità di calcio necessaria nella vostra dieta ogni giorno varia da 1.000 mg al giorno a 1.200 mg se siete oltre 18 anni, secondo un rapporto del 2010 dell’Istituto di medicina. L’istituto elenca inoltre i limiti superiori per il calcio, che i ricercatori non sottolineano non è l’importo che dovresti puntare, ma piuttosto l’importo che dovresti fare attenzione a non raggiungere: se i livelli di calcio da alimenti e integratori superano 2.500 mg per gli adulti 19 50 e 2.000 mg per gli adulti oltre i 50 anni, aumenta il rischio di sviluppare calcoli renali. Altri sintomi di overdose possono includere dolore allo stomaco o osseo, costipazione, confusione, mal di testa, nausea o coma.

Tossicità

Poiché la Food and Drug Administration americana non disciplina gli integratori alimentari, come le vitamine e gli integratori di calcio, alcune marche di carbonato di calcio possono contenere metalli tossici, come il piombo. Controllare l’etichetta sulla bottiglia di integratore per le parole “purificate” o “USP Verified Mark”, che indicano entrambi che il calcio è stato testato.

Controllare con il proprio medico il modo in cui il carbonato di calcio potrebbe interagire con altri farmaci che si assumono. Ad esempio, il calcio può interferire con antibiotici, medicinali tiroidei, integratori di ferro o farmaci antiacidi. Altri effetti indesiderati includono il burping e l’eccesso di gas, la bocca secca, la minzione aumentata, la perdita di appetito e il gusto metallico in bocca.

Altri problemi